Greco di Bianco: il vino più antico d'Italia

Il vitigno “Greco Bianco” è stato importato in Calabria dagli antichi Greci, lungo il promontorio Zefiro, intorno al 700 a.C.  Sono passati quasi duemila anni, quindi, e nella lavorazione dell’uva Greco Bianco si seguono ancora quegli antichissimi procedimenti che fanno di questo passito, il vino più antico d'Italia, un'eccellenza di Calabria di cui andare fieri. Tradizionalmente si serve a 8 °C e  lo si abbina con i dolci della tradizione, ma è altrettanto ottimo, servito a temperatura più alta, con formaggi stagionati.

Questo il tema della  degustazione che si terrà venerdì 14 luglio alle ore 21,00 a bordo piscina del Grand Hotel Paradiso, a Catanzaro lido. Il sommelier Pierfrancesco Multari delegato AIS Locride guiderà, attraverso la degustazione di ben sei Greco di Bianco DOC, in un viaggio nella storia che ci porterà fino al 700 a.C.  

 

Un ospite d’eccezione parteciperà alla degustazione. Lo scrittore, giornalista e sceneggiatore Donato Carrisi (Premio Bancarella 2009), infatti, sarà il testimonial a cui sarà affidato il compito di divulgare questo nostro tesoro in tutta Italia. Il sommelier Pierfrancesco Multari, infatti, ci guiderà, attraverso la degustazione di ben sei Greco di Bianco DOC, in un viaggio nella storia che ci porterà fino al 700 a.C.  

Contributo degustazione € 12,00

 

Prenotazione obbligatoria:

- telefonando o inviando un sms al n. 320.8278370 (Rosanna Rafele)
- telefonando o inviando un sms al n. 393.4336905 (Paola Marullo)

Scrivi commento

Commenti: 1
  • #1

    Marco (giovedì, 04 luglio 2013 17:44)

    Se è stato importato dagli antichi greci intorno al 700 a.C. allora non sono passati "quasi 2000 anni" ma 2700.

Associazione Italiana

Sommelier Calabria
Via Livenza 20/22

87100 Cosenza


info@aiscalabria.it

aiscalabria@pec.it

COMUNICAZIONE IMPORTANTE:

 

a partire dal 20 febbraio p.v. le nuove coordinate bancarie dell'Associazione Italiana Sommelier Calabria saranno le seguenti:

 

IBAN: IT 59 I 03111 16203 000000051952

 

Vi preghiamo, dunque, di aggiornare i dati bancari in vostro possesso.

AIS CALABRIA

newsletter 2017 qui

AREA RISERVATA

clicca qui